Blog

Come scegliere guanti monouso adatti per te

61 / 100

Come scegliere  guanti monouso più adatti

 

Oltre alle mascherine, un altro dispositivo di protezione molto ricercato in questo periodo di emergenza Covid sono i guanti monouso.

Toccando superfici contaminate i guanti si contaminano a loro volta. E toccandoti il viso, magari sovrappensiero, vanifichi tutto.

L ‘Oms  classifica i guanti tra i mezzi di protezione del nuovo virus.

Usa i guanti monouso  rispettando queste semplici regole:

  • il guanto non sostituisce ma integra  una corretta igiene delle mani, che deve avvenire attraverso un lavaggio accurato per circa 50 secondi;
  • ricambiali ogni volta che si sporcano o si rompono ed eliminali correttamente nei rifiuti indifferenziati;
  • durante l’uso NON TOCCARTI  bocca, naso e occhi;
  • Sono monouso e vanno eliminati dopo averli usati non vanno riposti per un uso successivo
  • toglili senza toccare la parte esterna a mani nude;
  • tolto il guanto usa un disinfettante antibatterico per le mani

 

Nel pieno di questa situazione di emergenza Covid , i guanti vengono usati, e ormai  sono obbligatori, per operatori sanitari e per chi lavora negli esercizi commerciali, per chi sta a contatto con il pubblico, come impiegati di uffici pubblici essenziali o addetti dei supermercati, tatuatori , estetiste ,parrucchierie

guanti sanita%CC%80

Ricordiamo comunque che vanno sempre associati ad un frequente lavaggio mani e all uso di un igienizzante per le mani oltre ad   indossarli, toglierteli e smaltirli nel modo corretto.

 

Indossarli è raccomandato per l’igiene in certi certe lavorazioni. Ma soprattutto è obbligatorio. Non averli può fare la differenza per la salute, oltre ad incorrere  in multe molto pesanti ed anche   arrivare alla chiusura e al sequestro dell’attività.

Prospettive devastanti in confronto al piccolo sforzo di indossare un semplice guanto.

Quindi, per capire meglio come e quando usarli nell’emergenza da Covid-19 e nelle attività di tutti i giorni, leggete attentamente questo post dove ho cercato di descrivere il più chiaramente e facilmente possibile le caratteristiche dei guanti monouso

Quando si parla di guanti monouso,  parliamo di articoli importati NON PRODOTTI in italia

A fare la differenza, è il materiale utilizzato, che determina l’impiego specifico di ciascuna tipo di guanti monouso che trovate in commercio.

Un’altra differenza fondamentale è tra sterili o non sterili. Usati e comuni sono quelli non sterili, usati in questa situazione di emergenza da coronavirus da parte degli operatori sanitari.   per un uso giornaliero e normale sono da usare  invece solo seguendo accuratamente le istruzioni e le altre regole igieniche che abbiamo specificato sopra e che non finiremo mai di raccomandare IGIENE – LAVAGGIO -E DISINFEZIONE

Gli sterili invece si trovano confezionati e commercializzati in  buste sigillate e sono destinati in particolare agli operatori sanitari uso medicale

Altra importante differenza sta nella presenza o meno di POLVERE . La sua presenza garantisce una migliore indossabilità ,  diminuisce la sudorazione, ma possono verificarsi  reazioni allergiche.

 

Dicevo dei diversi impieghi in base ai materiali. I principali sono quattro:

  • lattice (con o senza polvere)
  • vinile
  • polietilene
  • nitrile (il più usato)

Vediamoli uno per uno.

Guanti in lattice

Sono biodegradabili con un alto livello di sensibilità, elasticità ed impermeabilità, sono i preferiti dai dentisti

i guanti in lattice naturale presentano una maggiore resistenza a perforazioni e strappi

Consiglio per chi lavora a contatto con materiale biologico per il controllo del livello dei microfori; questo garantisce un livello di impermeabilità superiore agli altri guanti monouso ma in primis una massima sensibilità

In particolare hanno alta elasticità anche a basse temperature, e non esiste in circolazione materiale più elastico. Si adattano perfettamente  alla forma della tua mano

Oltre a medici e dentisti, il loro impiego è consigliato per attività nel settore dell’estetica o della preparazione di farmaci e cosmetici, data la moderata resistenza chimica (es. soluzioni acquose, detergenti e detersivi diluiti).

  • guanti monouso non sterili in lattice senza polvere si  riduce il rischio di reazioni allergiche e la finitura microruvida garantisce una ottima presa
  • guanti monouso non sterili in lattice leggermente talcati, garantiscono una minore sudorazione;
  • guanti in lattice con gel all’ aloe minor sudorazione e minor rischio di allergie
  • guanti in lattice ad alto spessore  con o senza polvere di maggior spessore , sono indicati per chi deve proteggersi da agenti patogeni e infettivi ma data il maggior spessore offrono a nostro giudizio maggior protezione ma minore sensibilità
  • per il guanto in lattice prima di tutto verificare di NON ESSERE ALLERGICI AL LATTICE

 

Guanti in vinile

I guanti in vinile sono fatti con materie prime sintetiche, come PVC (Poli Vinyl Cloruro – cloruro di polivinile) e ftalati (DINP). hanno come caratteristiche malleabilità, modellabilità, morbidezza ed elasticità.

 

Sono molto diffusi negli ospedali per ragioni economiche, ma sono usati solo per le esplorazioni ma offrono una bassa sensibilità e resistenza ma convenienti per il loro prezzo

 

Il vinile è un prodotto sintetico e si  diminuendo così la possibilità di allergie da contatto o reazioni di ipersensibilità è usato  da soggetti allergici al lattice.

Commercializzati in spessore diverso , questi guanti possono offrire anche una discreta sicurezza. E’ consigliato smaltirli nel modo corretto, per non disperdere il PVC

Guanti in polietilene

Adatti alla manipolazione degli alimenti e conformi alle normative della Comunità Europea, i guanti in polietilene sono diffusi presso supermercati, banconi per prodotti alimentari, distributori di benzina.

Oltre a questi settori, i guanti in polietilene sono utili anche in ambito medicale per uso ospedaliero e ambulatoriale: garantiscono una buona protezione e un’elevata sensibilità durante l’uso ma sinceramente sono da preferire altri tipi di guanti

Non sono molto resistenti, ma sono pensati soprattutto per proteggere le mani e gli oggetti manipolati dallo sporco perciò e raccomandato vivamente dopo il loro uso un energico lavaggio e/o l uso di un igienizzante mani

Sono pratici e perfetti anche per un uso casalingo. Sono una scelta  se preferisci un prodotto monouso prediligendo la massima igiene in casa . Per questo trovano ampio uso anche fra i veterinari e nel settore zootecnico, ma sono adatti anche per trattamenti professionali estetici il loro uso è legato al loro basso prezzo sono convenienti ma a nostro giudizio sono adatti per l uso in centri commerciali ma non per uso lavorativo

Guanti in nitrile (il piu usato)

I guanti in nitrile presentano  elasticità, ergonomia, resistenza chimica e meccanica e sensibilità, e per questo i guanti in nitrile sono i migliori sul mercato.

Il nitrile è un materiale inoltre ideale se manipoli alimenti, (attenzione a non usarlo per quelli alcolici),  e ti offrono massima protezione anche  lavorando a contatto con sostanze chimiche o fluidi corporei.

La sensibilità tattile, la superficie microruvida, l’assenza di talco e la perfetta adesione alle mani li rendono adatti all’uso come dispositivo medico, per uso ambulatoriale e per medicazione, riducendo anche il rischio di dermatiti.

Controllare sempre prima dell uso i pittogrammi posti sulla confezione

Controllare la scadenza, la grammatura,e il marchio CE sulla confezione

Se sei allergico alle proteine del lattice naturale sono l unica alternativa, soprattutto se hai bisogno di guanti monouso più resistenti rispetto a quelli in vinile, ma sono ora i più costosi. Proteggono anche da agenti chimici, sostanze aggressive, microrganismi e agenti patogeni.

  • Guanti monouso non sterili in nitrile con o senza oppure  leggermente talcati, con superficie microruvida che garantisce una presa ottimale;
  • guanti monouso non sterili in nitrile senza talco, molto elastici ed aderenti, usati nel settore dentale, medico, estetico e meccanico.
  • guanti in nitrile alto spessore con dita testurizzate sono commercializzati  nel tipo da 3.0 grammi- 3.5 grammi-4.1 grammi e superiori

I più diffusi ed usati sono ora quelli da 3,5 grammi quelli di grammatura superiore sono per uso lavorativo, sconsigliamo l uso del 3.0 grammi data minor resistenza e facilità di rottura

Le  varie colorazioni non variano la resistenza o la protezione

A nostro giudizio il guanto in nitrile da 3.5 grammi di qualsiasi colorazione è ora il più adatto per l’ uso in questo periodo di emergenza ma  abbinando sempre una corretta igiene delle mani evitando durante l’ uso di toccarsi mani bocca ed occhi.